Solanum, mini pomodori brasiliani in balcone!

I famosi "Pumin d'Amour" ...

Solanum capsicastrum:

originaria del Brasile, questa specie suffruticosa e perenne presenta fusti legnosi e morbidi che portano foglie persistenti, lanceolate, lunghe anche 8 cm. e di colore grigio-verde.

In giugno-luglio produce fiori bianchi stellati, poco appariscenti ai quali seguono bacche invernali che restano sulla pianta molto tempo, cambiando colore a seconda del periodo di maturazione: dapprima verdi, assumono in seguito tonalità gialle e in fine scarlatte. Raggiunge l’altezza di 30-45cm e spesso viene trattata come annuale.

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed                 accorgimenti particolari

Temperatura

  • la temperatura minima invernale non deve essere inferiore a 10-18 °C per S. capsicastrum. In regioni a clima particolarmente rigido necessitano di riparo in serra.

Luce

  • posizione molto luminosa e arieggiata. Anche nel periodo invernale le piante che producono bacche colorate, necessitano quindi di un’esposizione molto luminosa, al fine di mantenere vivaci le tonalità dei frutti.

Annaffiature e umidità ambientale 

  • annaffiare abbondantemente in primavera-estate in modo che il substrato risulti sempre umido, ma non inzuppato. In autunno-inverno ridurre la frequenza delle somministrazioni quando i frutti sono caduti.

Concimazioni ed accorgimenti particolari

  • il Solanum capsicastrum si rinvasa dopo la fioritura, solo se le radici affiorano sulla superficie della terra, o escono dal foro di drenaggio del vaso.
  • Nel corso dell’estate possono essere portate all’esterno e tenute in posizione riparata e soleggiata.
  • Alla comparsa dei fiori è bene spruzzare quotidianamente la pianta, con acqua tiepida, per favorire la fruttificazione.
  • In autunno-inverno, spruzzare quotidianamente la pianta con acqua tiepida e somministrare concime liquido ad alto titolo di potassio fino alla maturazione dei frutti. 
  • Nelle regioni più fredde la coltivazione deve essere effettuata in serra o in casa.

Moltiplicazione e potatura

Se si vuole che Solanum fruttifichi anche l’anno successivo, in Marzo si devono potare tutti i rami a due terzi della loro lunghezza.

Malattie, parassiti e avversità

  • Foglie che appassiscono e bacche che cadono: annaffiature insufficienti.

  • Foglie che ingialliscono e cadono:  annaffiature eccessive.

  • Afidi: attaccano foglie e fiori. Succhiano la linfa e rendono la pianta appiccicosa. Si eliminano lavando con un batuffolo di cotone e Alchool rosa, o  trattandola con insetticidi specifici.

  • Muffa grigia: è un fungo (Botrytis cinerea) che provoca la comparsa di macchie scure e, successivamente, di ammassi polverulenti grigi su foglie e fiori. È facilitata nella sua diffusione da piantagioni molto fitte. Bisogna eliminare le parti colpite e l’eventuale terriccio “ammuffito”, nonché trattare la pianta con un prodotto anticrittogamico.

Substrato

  • n miscuglio a base di terriccio, torba e sabbia grossolana.
vasi di Solanum

Corinna Brilli

ULTRAVIOLET shop, corso Vittorio Emanuele II 73/c, Turin, Italy

Kokedamer, creftworker, networkmarketer and flowers' girl in Turin (IT)