piante tropicali

Schefflera

Abbiamo a che fare con una pianta da appartamento a tinte tropicali. La Schefflera è un genere appartenente alla famiglia delle picante rampicanti, che include molti arbusti e perfino le liane.

La Schefflera è indigena nei tropici ma cresce spontanea anche nelle zone a clima mite.

Schefflera.4_s.jpg

Cura e Manutenzione

  1. In casa tua si sentirà a suo agio soprattutto in un luogo caldo e luminoso. Al contrario di molte altre piante da appartamento, la Schefflera sopporta benissimo l’esposizione al pieno sole

  2. E’ bene annaffiarla con regolarità (scegli un giorno alla settimana e seguilo) e controllare che la terra non rimanga bagnata più di qualche giorno di seguito. E’ flessibile e non si offende se dovesse capitarti di saltare qualche annaffiatura. 

  3. C’è un solo ma: la Schefflera ha un desiderio nascosto. Si sente rinascere quando togli ad intervalli regolari la polvere che si è deposto sul suo fogliame. Ama tantissimo farsi fare una bella spolverata sotto la doccia. Portala con te quando fai la doccia e regalale un bel trattamento rinfrescante. Ne uscirà splendente e raggiante di gioia. E può anche darsi che ti contraccambierà con la produzione di fiori.

    Capita molto raramente che questa pianta coltivata in casa fiorisca. Sarà il massimo coronamento della vostra convivenza che, se dipende dalla Schefflera, sarà sempre all’insegna della tua felicità.

Creare una forma bonsai 

La sua voglia di accontentarti è talmente grande da lasciarsi letteralmente plasmare nella forma che preferisci tu. Accetta senza problemi la potatura parziale delle foglie e dei germogli. Tanto emetterà nuovi getti all’apice. Se ripeti le potature di questo tipo potrai ottenere una forma bonsai esattamente su misura dei tuoi desideri personali. In aggiunta, la Schefflera comprende sia varietà a foglia verde che a foglia variegata e di colore porpora scuro. Per ogni gusto e ogni stile di arredamento puoi trovare, o formare, la Schefflera giusta. 

Fonte: Ufficio Olandese dei Fiori

 

 

Anthurium "Pink Fever"

Questo post è dedicato a come tenere in casa un Anthurium, e come esempio Vi mostrerò la qualità Pink Fever dai colori sfumati che vanno dal rosa-bianco e verde... uno splendore di nuances!

@ UV shop
@ UV shop

Come quasi tutte le piante tropicali ha bisogno di MOLTA luce, ma attenzione a non esporla in pieno sole - quindi in ambienti che rimangono al buio per più di 12 ore periodicamente non sono consigliate.

Bisogna mantenere umida e non lasciare asciugare la terra, quindi calcolate una bottiglietta d'acqua almeno una volta alla settimana.

Se la pianta è vicina a un termosifone, aumentare le bagnature a due volte la settimana.

Evitare l'acqua in eccesso nel vaso e nel sottovaso: le radici marciranno, attaccando piano piano tutta la pianta... il campanello d'allarme per questa situazione è la comparsa di foglie gialle, o foglie nuove deboli.

fiore Anthurium Pink Fever
fiore Anthurium Pink Fever

 

Si consiglia di fertilizzare una volta al mese, ovvero dargli del nutrimento diverso dall'acqua, quindi possono essere 1 bustina del thè lasciata macerare per tre giorni, oppure un concime chimico per piante da appartamento fiorite, il quale lo andrete a diluire mooolto di più di come c'è scritto sulle istruzioni - troppo concime non è necessario, e rischia anche di "bruciare" la pianta.

Un altro consiglio utile è quello di far decantare l'acqua della bottiglietta, e di non usare mai le ultime 4 dita d'acqua: in questo modo evitiamo che il cloro e gli altri residui dell'acqua blocchino la crescita della pianta.

 

Per ora è tutto, se ci sono errori, suggerimenti, domande e dubbi.... SCRIVETECI o qui o sulla nostra pagina Facebook:  www.facebook.com/ultraviolet.torino 

stay tuned ;)